/ /

Mondo
21 luglio 2014 | di

Viaggio nell’inferno di Abidjan: la città martire dei rifiuti tossici europei

Agosto 2006. La Probo Koala e il suo carico di veleni attraccano nel porto della città più popolosa della Costa D’Avorio. A bordo ci sono 530 metri cubi di liquami prodotti dalla raffinazione del petrolio tramite sodacaustica e altri agenti inquinanti. L’obiettivo della multinazionale europea Trafigura, leader mondiale del settore degli idrocarburi, è disfarsi a tutti i costi di quel materiale perché il trattamento dei rifiuti costerebbe troppo. E così succede: notte tempo una serie di autocisterne scaricano il materiale in 18 diversi punti della metropoli: in ex discariche, nei tanti corsi d’acqua della laguna, vicino a case e scuole. E’ una bomba ecologica che avvelena tutta Abidjan: stime indipendenti parlano di oltre 100mila persone coinvolte. Ancora oggi la popolazione paga le conseguenze di quel carico di sofferenza e morte come ha documentato il viaggio del fattoquotidiano.it fra bidonville, ed discariche e il reparto di oncologia infantile: venti posti letto per un paese di 20 milioni di abitanti  di Lorenzo Galeazzi e Vauro Senesi

Un ringraziamento a Soleterre, ong impegnata in Costa d’Avorio con un programma internazionale di aiuto all’oncologia pediatrica: acquisto di chemioterapie, formazione dei medici, supporto psicologico e casa accoglienza per le famiglie dei bambini malati

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 100 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questo limite per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×