/ /

Cronaca
21 giugno 2014 | di

Vaccini, l’epidemiologo Jefferson: “Stampa e governi contribuirono a psicosi”

Il contratto di fornitura allo Stato italiano del vaccino pandemico (contro l’influenza suina) prodotto dalla Novartis “già nel 2010 parve straordinario, perché i fondi per il suo sviluppo erano interamente a carico del contribuente. Non c’era nessuna garanzia che questi vaccini funzionassero. E, sulle spalle dello Stato, vi era l’intera partita, compresi gli indennizzi in caso di effetti collaterali”. A parlare così è Tom Jefferson, un epidemiologo, co-fondatore della Sezione Vaccini della Cochrane Collaboration, un’organizzazione internazionale che studia l’efficacia degli interventi sanitari adottati dai Governi di tutto il mondo. Tra questi ci sono anche i vaccini anti-influenzali. E’ stato lui, sin dall’inizio della pandemia, la spina nel fianco dell’industria farmaceutica rispetto a diverse irregolarità riscontrate nei contratti di fornitura del Focetria, questo il nome del vaccino pandemico. “Con l’influenza aviaria nel 2005-2006, governi e stampa contribuirono a creare una psicosi, che gettò la base a tutti questi contratti di fornitura di vaccini pandemici e di altri farmaci anti-influenzali, come ad esempio il Tamiflu.” Su quest’ultimo medicinale prodotto dalla Roche, Jefferson non ha dubbi: “Si tratta di un farmaco poco efficace e soprattutto neurotossico”, per il quale ogni anno il governo italiano spende milioni di euro di soldi pubblici. Nel 2009, l’ordinativo di 24 milioni di dosi costò alle casse italiane 184 milioni di euro. A quell’epoca furono molte le polemiche che si scatenarono intorno ai contratti di fornitura firmati tra il governo e l’industria farmaceutica. Contratti che anche alla Corte dei Conti apparvero subito troppo sbilanciati a favore del produttore di vaccini. Nel 2009, infatti, in nome dell’urgenza e dell’eccezionalità, si superarono tutte le procedure di autorizzazione, mantenendo il più totale riserbo sulle clausole del contratto. Secondo Tom Jefferson la vicenda pandemia rappresenta “un fallimento multisistemico: un fallimento regolatorio, un fallimento della sanità pubblica, un fallimento dei media e degli operatori sanitari, primo fra tutti dei ricercatori”. Non solo. “Il meccanismo della pandemia influenzale – spiega – è ripetuta tutti i giorni in diversi altri ambiti, in cui malattie vengono completamente inventate oppure il loro effetto viene ingigantito per aumentare il mercato, spaventare la gente o per indurre persone a certe scelte di mercato”  di Francesca Nava, montaggio Samuele Orini

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 24 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×