/ /

Mondo
25 marzo 2014 | di

Docenti di italiano in nero a Bruxelles: “Fantasmi per Farnesina e Ambasciata”

Hanno insegnato anche per 15 anni la nostra lingua nella capitale d’Europa ai più alti livelli: dalle ambasciate agli organismi dell’Unione europea. Peccato però che l’Istituto italiano di Bruxelles li abbia sempre pagati in nero senza versare i contributi o pagare le tasse. Dopo lo scoop del fattoquotidiano.it uno di loro ha deciso di raccontare la sua esperienza e quella dei colleghi: “Sapevano tutti della situazione, sia in Belgio che a Roma. Lo dimostrano le numerose lettere mandate ai più alti livelli del ministero degli Esteri”. Prima che esplodesse lo scandalo, nel marzo 2012, l’allora direttore dell’Istituto, Federiga Bindi, prova a sanare le irregolarità e stipula dei contratti di prestazione d’opera con il corpo docente. Ma il ministero degli Esteri teme che l’iniziativa possa diventare il grimaldello per eventuali rivendicazioni sindacali dei professori e blocca tutto. Così l’Istituto di Bruxelles viene obbligato da Farnesina e Ambasciata italiana a stipulare contratti con un’agenzia di lavoro interinale. “Questi contratti servono proprio a evitare eventuali ricorsi”, ammette candidamente l’ambasciatore Alfredo Bastianelli che ha ereditato la gestione dell’ente dopo il commissariamento deciso dal Mae. Il risultato? Il 51 per cento dei compensi per la società di intermediazione e rinnovi per i lavoratori, pagati 15 euro l’ora, di massimo un anno. Una figuraccia internazionale per il nostro paese che, fra l’altro si prepara ad assumere la guida del semestre di presidenza europea  di Galeazzi, Mackinson e Pisanò

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 24 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×