/ /

Ambiente & Veleni
18 gennaio 2014 | di

Torino, inceneritore del Gerbido: costato 500 milioni di euro e già 10 incidenti

Il termovalorizzatore del Gerbido si trova su una lingua di terra del comune di Torino che si insinua tra cinque comuni dell’hinterland. Lì accanto c’è anche un grosso stabilimento per lo smaltimento di rifiuti speciali. A poche centinaia di metri il primo gruppo di case del comune di Beinasco. Sin dal primo progetto un comitato di cittadini ha definito il posto inadatto, ma poi le amministrazioni hanno trovato un accordo. Sui sei comuni interessati quattro sono guidati dal Pd. L’Arpa (l’ente regionale per la protezione dell’ambiente) di Torino è guidata da Antonella Pannocchia, moglie del consigliere regionale Pd Gianni Oliva. Anche il Comitato Locale di Controllo, tavolo attraverso il quale il territorio dovrebbe controllare l’operato del termovalorizzatore, è strettamente in mano ai democratici. La Presidente del Clc è Erika Faienza consigliera provinciale Pd, nonché segretaria del Pd di Beinasco e moglie del sindaco, Pd anche lui, di Grugliasco, altro comune interessato dall’inceneritore. Faienza è anche stata condannata in primo grado per aver convalidato irregolarmente delle firme per una lista di sostegno alla candidatura di Fassino. Costato quasi 500milioni di euro e rivenduto all’80% da Fassino per 129 milioni, in un anno di attività l’inceneritore ha avuto dieci incidenti  di Cosimo Caridi

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×