/ /

Lavoro & precari
6 novembre 2013 | di

Boninsegna alla cartiera occupata di Mantova: “Mio padre lavorò qui 36 anni”

“Hanno detto tutti che festeggerò il mio settantesimo compleanno in fabbrica, ma io sono qui per ricordare mio padre”. Accolto da applausi e cori da stadio, ieri sera l’ex bomber nerazzurro, Roberto Boninsegna, ha incontrato i lavoratori della Cartiera Burgo di Mantova, da otto mesi in presidio permanente. Per oltre un secolo, dallo stabilimento mantovano è uscita la materia prima di tutti quotidiani e i settimanali d’Italia. Fino a febbraio di quest’anno, quando la crisi dell’editoria ha costretto l’azienda a mettere in cassa integrazione i 175 operai. “Mio papà Bruno ha lavorato qui come saldatore per 36 anni” ha raccontato l’ex campione, davanti a una sala mensa affollata di persone di ogni età, appassionati di calcio e non. “Ritrovo un po’ di lui in questi ragazzi. Nelle loro rivendicazioni e nella loro protesta vedo quelle che faceva mio padre negli anni Cinquanta”  di Giulia Zaccariello

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 100 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questo limite per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×