/ /

Ambiente & Veleni
21 ottobre 2013 | di

Gomorra a Milano, 400 tonnellate di rifiuti abbandonati in due capannoni

A Pregnana Milanese, nell’hinterland del capoluogo lombardo, si trova una “bomba ecologica” del tutto particolare. In due capannoni oramai abbandonati sono stipati quasi 400 tonnellate di rifiuti, tra cui farmaci pericolosi e materiale organico; ma si trovano addirittura anche campioni umani e poi sangue, feci e urina. Il piccolo centro è del tutto impreparato nella gestione di un simile caso. In più lo sgombero in sicurezza dell’area costerebbe circa 200mila euro, che in un periodo di spending review come questo è davvero complicato reperire per un’amministrazione pubblica. L’azienda responsabile dello stoccaggio del materiale era la Sanistar di Milano che poi è fallita e ora, nemmeno lei, ha le risorse per ripristinare l’area come era un tempo. In più è nato un giallo; pare che all’interno siano stati trovati tutta una serie di rifiuti che lì non dovevano stare. La magistratura milanese ha aperto un’inchiesta e indaga per traffico e stoccaggio illegale di rifiuti e naturalmente ha messo i sigilli ai due capannoni. Nel frattempo la vicenda è finita anche in Parlamento. In un’interrogazione i deputati Vinicio Peluffo (Pd) e Daniele Farina (Sel) hanno chiesto al ministro dell’Ambiente, a quello dell’Interno e a quello della Salute di interessarsi della vicenda, per rispondere “ad una situazione di notevole disagio – è scritto nell’interpellanza – e potenzialmente pericolosa per la salute delle persone e del territorio”  di Fabio Abati

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×