/ /

Cronaca
22 settembre 2013 | di

Mafia a Roma, un ex ispettore: “Nostra inchiesta insabbiata da interessi personali”

Gaetano Pascale, ex ispettore della Squadra Mobile a capo del pool investigativo bloccato nel 2003 non usa mezzi termini nel raccontare le indagini del tempo. “In squadra – denuncia Pascale – c’erano elementi che avevano interessi personali e patrimoniali ad Ostia, questo sicuramente non garantiva un’asetticità fondamentale per una corretta conduzione dell’inchiesta”. Indagine che è venuta fuori 10 anni dopo, quando l’operazione Nuova Alba ha fatto finire in carcere 51 persone per associaizone mafiosa. Pascale, anch’esso riformato dalla Polizia di Stato, ora collabora con l’Fbi ed è docente di criminologia. Anch’egli, come Piero Fierro, è in causa per mobbing con il Ministero dell’Interno  di Luca Teolato, riprese e montaggio di Flavio Costa

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 100 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questo limite per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×