/ /

Politica & Palazzo
10 settembre 2013 | di

Decadenza, Alfano nel 2012: “Riguarda i condannati passati in giudicato. B. sarà assolto”

“L’incandidabilità riguarda i condannati passati in giudicato e Berlusconi siamo certi che sarà assolto”. Ecco il video che prova la malafede di Angelino Alfano e del Pdl, oggi impegnati in una furiosa battaglia per sostenere che la legge non vale nei confronti di chi ha commesso reati prima della sua entrata in vigore. Una strategia tesa a mandare il caso Berlusconi, del quale si vuole evitare la decadenza da senatore, davanti alla Corte costituzionale o a quella dei diritti dell’uomo. E’ il 6 dicembre 2012, dopo una riunione fiume durata quasi sei ore, il Consiglio dei ministri del governo Monti dà il via libera al decreto legislativo per le liste pulite che introduce il divieto di ricoprire “cariche elettive e di governo” legato a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi. Un decreto che si applica anche per le cariche di governo. Parlando con i giornalisti in questo video realizzato dall’agenzia Vista e postato su Youtube, il segretario del Pdl Angelino Alfano rivendica a sè e  a Silvio Berlusconi la paternità del decreto. E di fronte ai giornalisti che gli fanno notare come Berlusconi corra il rischio di subirne gli effetti, Alfano spiega che non ci saranno problemi perché il Cavaliere “ha la certezza di essere assolto”. Alfano dice testualmente: “L’approvazione del provvedimento sulla incandidabilità nasce dall’attuazione di una legge il cui primo firmatario è il sottoscritto. Questa legge prevedeva una delega che oggi è stata attuata. Non abbiamo alcuna difficoltà a riconoscere il decreto incandidabilità e – continua Alfano – non vi è alcun nesso con il nostro presidente che è colui il quale ha voluto questo ddl e che ha la certezza di essere assolto perché non ha nulla a vedere con i processi che lo interessano”. Insomma la volontà del legislatore, anche di centrodestra, era chiara: tenere fuori i condannati dal Parlamento. In base a una norma che non è penale, ma stabilisce solo un requisito. E che quindi ha valore retroattivo

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 100 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questo limite per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×