/ /

Cronaca
16 gennaio 2013 | di

Bike-sharing Roma, il flop: un milione e 600mila euro buttati e bici rubate

Le isole del bike sharing a Roma sono abbandonate. Ormai i cittadini si sono assuefatti al degrado e al mancato servizio della ‘bici condivisa’. Un flop milionario per il Comune e centinaia di biciclette sparite. Il servizio è partito nel 2008 durante gli ultimi mesi della giunta del sindaco Walter Veltroni, affidato alla multinazionale spagnola Cemusa, incaricata della gestione e manutenzione delle stazioni in cambio di preziosi spazi pubblicitari in città. Il risultato di utenza era positivo: 3000 abbonamenti in sei mesi. Sempre nel 2008, si insedia il sindaco Gianni Alemanno (Pdl) e il contratto con la ditta viene revocato perché le imprese di pubblicità romane si oppongono all’ingresso di una ditta concorrente. Il bike sharing viene quindi affidato all’azienda per la mobilità Atac e presto abbandonato. “A causa di un debole sistema di sicurezza, un controllo inesistente – racconta Massimiliano Tonelli del blog ‘bike-sharing Roma’ –  il parco bici in poco tempo è stato depredato dai ladri: oltre 450 biciclette al costo di circa 200 euro ciascuna. La spesa pubblica complessiva – continua – è stata di circa un milione e 600 mila euro per un servizio, ad oggi, inesistente”  di Paola Mentuccia

 

 

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×