/ /

Ambiente & Veleni
15 dicembre 2012 | di

Allarme amianto all’Ilva. L’azienda: “Rifiuti trattati secondo norme”

Dopo le immagini mostrate dal fattoquotidiano.it, ecco un nuovo filmato sui materiali “sospetti” presenti nell’impianto di Taranto. “Tutti i rifiuti conferiti nella citata discarica (Mater Gratiae, all’interno dell’area dello stabilimento siderurgico, ndr) sono gestiti conformemente a quanto previsto dalle normative vigenti e nel rispetto della salute e sicurezza dei lavoratori”. È quanto ha scritto in una nota di alcuni giorni fa l’Ilva, dopo l’esposto di Fabio Matacchiera, presidente del Fondo antidiossina onlus che denunciava un possibile allarme amianto in fabbrica. Le immagini in possesso de ilfattoquotidiano.it – realizzate tra il 2009 e il 2011 – possono sollevare non pochi dubbi sulla gestone dei rifiuti all’interno della discarica Mater Gratiae. Nelle fotografie e nei video, infatti, sono visibili sacchi contenenti amianto, raccolti in cosiddetti bigpack ed identificati dalla lettera “a”, mentre vengono scaricati o ammassati all’interno della discarica. In alcune immagini è possibile vedere i sacchi accanto a piccole montagne di scorie di lavorazione ancora fumanti. Secondo Fabio Matacchiera, la potenza e il raggio d’azione del tornado del 28 novembre scorso “potrebbero aver interessato anche quella zona in cui sarebbero confluiiti, negli anni, migliaia di tonnellate rifiuti industriali di vario tipo, tra questi scorie dell’ acciaieria e tantissimo amianto accantonato, semiseppellito, disperso anche in sacconi lacerati che con il vento e la turbolenza potrebbero aver disperso fibre di amianto anche a molta distanza”. Sull’argomento l’Ilva ha replicato sostenendo che “alcuni frammenti di eternit, provenienti da strutture esterne, si sono depositati all’interno dello stabilimento” e che “il giorno dopo il tornado, l’azienda ha provveduto a informare l’Arpa Puglia, comunicando sia la provenienza esterna dei frammenti che l’inizio delle operazioni di raccolta e di messa in sicurezza gestita da società esterne specializzate”

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×