/ /

Diritti
30 ottobre 2012 | di

Disabili, come sprecare risorse negando il diritto alla ‘Vita indipendente’

I progetti di Vita Indipendente prevedono di erogare le risorse direttamente ai disabili non autosufficienti, perché scelgano e retribuiscano in prima persona chi si occuperà di loro, secondo le proprie reali necessità. Si tratta di costruire percorsi individuali di autodeterminazione che favoriscano il recupero relazionale e lavorativo, a partire proprio dal protagonismo nella gestione dei servizi di cura. Ma i soldi non si trovano, e l’azzeramento del Fondo nazionale per la non autosufficienza operato dal precedente governo cancella ogni speranza. Dai quattrocento milioni di euro del 2009 si è passati direttamente a zero. Così, chi presenta un progetto di vita indipendente è destinato a vedersi sbattere la porta in faccia dal proprio comune di residenza. Fatte salve le iniziative di poche regioni che hanno voluto trovare i fondi per avviare alcuni progetti (Toscana, Friuli, Piemonte, Marche), per tutti gli altri non rimane che pesare sulle proprie famiglie o finire in una struttura di ricovero. Un vero paradosso, perché l’assistenza gestita dal disabile costa meno. La metà della classica assistenza domiciliare e fino a un terzo rispetto al ricovero in residenza sanitaria. Si potrebbe risparmiare, invece si taglia e basta. Elisa, una donna di 31 anni che per ottenere la Vita indipendente ha minacciato di incatenarsi al suo municipio lo dice chiaramente: “Tagliare i fondi alle persone disabili è come tagliargli la vita”  di Franz Baraggino e Thomas Mackinson

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 100 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questo limite per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×