Skip to content


Introdurre il referendum propositivo? Il vox di Ricca

Cosa fare per rigenerare il sistema politico? Una possibilità è introdurre elementi di democrazia diretta. L’esempio classico è il referendum propositivo, che impegna il parlamento a discutere proposte di legge sottoscritte dalla maggioranza dei cittadini. Dal 2000 gli statuti delle amministrazioni locali sono aperti a forme di iniziativa e consultazione della cittadinanza. Ma molto lavoro rimane da fare per sviluppare l’esercizio della sovranità popolare. I nodi principali sono tre: l’effettiva capacità deliberativa del referendum, il numero delle firme necessarie e il quorum di validità. “Uomo da marciapiede” ha posto la questione ai passanti in giro per Milano. Tra gli intervistati pochi hanno chiari i termini del problema. Ma tanti esprimono l’esigenza di decidere con nuovi strumenti tra un’elezione e l’altra. C’è il rischio del disinteresse e dell’incompetenza di larghe fasce di elettori, secondo alcuni. E’ un modo efficace – con regole e limiti adeguati – per sbloccare una democrazia sequestrata da partiti e gruppi di interesse, secondo altri. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti e scegliendo la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese e montaggio di Niccolò Brindasso

26 ottobre 2012
Commenti
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito: evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà bannato. La Redazione
Segui il Fatto TV: