Skip to content


Adozioni per le coppie omosessuali: favorevole o contrario? Il vox di Ricca

Le recenti dichiarazioni di Nichi Vendola e Giuliano Pisapia hanno riportato d’attualità il tema delle adozioni per coppie same-sex. Questione delicata, sulla quale la Chiesa cattolica è irremovibile, che interpella la visione della missione genitoriale e divide la politica e le coscienze, non solo in Italia, ma senza un taglio netto fra cattolici e laici. In diversi Paesi del mondo, il diritto degli omosessuali a costruirsi una famiglia, con possibilità di adozione, è ormai acquisito per legge. Da noi la strada sembra ancora lunga. Ma la coscienza collettiva sta cambiando, specialmente tra i giovani. Dopo il vox sui matrimoni gay , “Uomo da marciapiede” ne ha avuto conferma questa settimana. In prevalenza gli intervistati si dicono favorevoli alle adozioni, perché “i diritti sono uguali per tutti e anche una coppia omosessuale può educare bene un figlio, dopo aver superato le verifiche di rito”. L’obiezione più diffusa – spesso anche tra coloro che si dicono favorevoli alle unioni civili o addirittura ai matrimoni per coppie omosessuali – suona così: “Nessun pregiudizio contro gli omosessuali, ma per natura un bambino ha bisogno di un padre e di una madre” di Piero Ricca, riprese e montaggio di Niccolò Brindasso

27 settembre 2012
Commenti
Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread. Ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7 e che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500. E' necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic. Per alcuni giorni, a causa di ragioni tecniche, tutti commenti andranno in pre moderazione. Inoltre, chi posterà più volte lo stesso commento (anche se con parole diverse) verrà segnalato. Ti avvisiamo che verranno pubblicati solo i commenti provenienti da utenti registrati. La Redazione
Segui il Fatto TV: