/ /

Ambiente & Veleni
26 luglio 2012 | di

Ilva, Vendola: “Contro industrialismo cieco e ambientalismo isterico”

Alcuni cittadini di Taranto sono giunti al ministero dell’Ambiente a Roma per seguire da vicino la riunione tra il ministro Corrado Clini ed il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola sull’Ilva di Taranto. “Taranto è una città che sta morendo. La grande industria sta facendo morire l’economia e sta uccidendo anche tutte le persone” dichiara Maria Gabriella Titoto, del comitato “Taranto Respira” accusa: “Ci sono livelli di neoplasie inaccettabili, l’aria è irrespirabile, il mare è inquinato. Tutto quello che dovrebbe essere l’indotto naturale della città sta venero distrutto dalla grande industria. Il ricatto occupazionale non ha senso. Noi non siamo contro i lavoratori che sono le prime vittime; la legge dice che chi inquina deve pagare e non i cittadini attraverso le tasse”. Angelo Bonelli, presidente dei Verdi italiani critica il patto per Taranto firmato tra il governo e la regione Puglia: “Le risorse messe in campo sono irrisorie”. Alle critiche risponde il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola: “Noi ci siamo sempre opposti sia ad un industrialismo cieco sia ad un ambientalismo fondamentalista ed isterico di chi pensa che tra i beni da tutelare non ci debba essere il bene lavoro, in una storia come quella di Taranto”  di Manolo Lanaro

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 24 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×