/ /

Ambiente & Veleni
1 marzo 2012 | di

Elio e le storie tese contro il cantiere infinito

Il cantiere dello svincolo di Lambrate sulla tangenziale est di Milano ha compiuto vent’anni. Aperto per la prima volta nel 1992, non ha mai visto la fine dei lavori. Il motivo? L’innalzamento della falda acquifera nell’area est della città. A distanza di anni il cantiere riapre, ma il problema dell’acqua, mai risolto, blocca tutto un’altra volta. E per ripartire servono altri 100 milioni. “Il direttore dei lavori è lo stesso del ’92, l’ingegner Diego Ceccherelli”, attacca Nicola Fasani in arte Faso, bassista della band milanese, che nelle vicinanze ha il suo quartier generale. “Come si fa a non accorgersi dell’acqua per due volte?”, domanda Faso. E ancora: “Il fiume Lambro, qui a due passi, non l’hanno visto?”. L’opera è nelle mani della Milano Serravalle, la società al centro delle indagini per presunte tangenti che vedrebbero coinvolto lo stesso responsabile dei lavori, il direttore tecnico della società Gianlorenzo De Vincenzi  di Gianni Barbacetto e Franz Baraggino

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 100 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questo limite per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi ai Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Ti comunichiamo inoltre che tutti commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×